Se proprio volete sapere com’è andata l’IF Comp 2016 cliccate qui

DetectivelandNon potevo chiudere il 2016 senza scrivere neanche un post sul risultato dell’ultima IF Comp, di cui comunque potete leggere diffusamente sul sito ufficiale Ifcomp.org. Ebbene, ha vinto Detectiveland di Robin Johnson, brillante avventura di genere hardboiled, che con una particolare interfaccia a metà tra parser e punta e clicca, chiamata Versificator e già sperimentata con successo in Draculaland (di cui vi parlerò presto), ha messo d’accordo i fan rispettivamente di linea di comando e scelta multipla guadagnandosi una bella vittoria. La storia è ambientata negli anni 20 del secolo scorso a New Losago, cittadina immaginaria che ricorda molto la New York di quel periodo, con dark lady e gangster assortiti. Il giocatore impersona un detective privato con ben tre casi da risolvere, che si offrono come minigiochi a se stanti sullo stile del caro Fish! della Magnetic Scrolls. Lo stile è brillante, ci sono molte cose da fare e vi consiglio di dargli un’occhiata, così come al sito dell’autore: Versificator.net.

Se preferite le avventure vecchio stile con l’interfaccia aperta, a linea di comando, potete rifarvi con la seconda classificata: Color the Truth di Matt Brush, un giallo vecchio stile in cui, a colpi di parser, bisogna scoprire l’assassino di Rosalita Morales, e in cui i sospettati si divertono a… colorare la verità! La medaglia di bronzo è andata a un altro gioco punto e clicca: Cactus Blue Motel di Astrid Dalmady, ambientato in mezzo al deserto in un motel strano, molto strano, soprattutto dopo una certa ora.

Darkiss 2, che era in gara insieme a Zigamus, purtroppo è arrivato solo diciassettesimo, fallendo così l’obiettivo di migliorare il piazzamento ottenuto da Darkiss 1, che nel 2015 era arrivato dodicesimo. Questo, nonostante le tante belle recensioni uscite durante la Comp, che mi avevo reso moderatamente ottimista su un possibile e auspicato piazzamento nella top ten. Tra le tante, cito almeno quelle di T. L. Bodine (noto anche come Glass Rat, che ha speso belle parole anche per Zigamus) e di Emily Short, che ha addirittura segnalato Darkiss 2 come gioco di Halloween. Le altre, compresa quella eccellente pubblicata dall’host Freeware Files, le trovate nella English Page del sito.

Ironia della sorte, grazie al piazzamento di Darkiss 2, ho vinto un premio messo in palio proprio dal vincitore Robin Johnson: una copia cartacea del libro Commodore 64 Adventures: a guide to playing and writing adventures di Mike Grace, pubblicato da Sunshine nel 1983: una chicca per nerd all’ultimo stadio alla quale ho riservato un posto d’onore nella mia libreria “avventurosa”, insieme alla cartolina di Edimburgo che Robin mi ha spedito con il volume.

Zigamus è arrivato addirittura trentunesimo, quindi nella parte destra della classifica, e anche se si è messo dietro più di venti giochi (sui 58 in gara) dubito che si possa essere soddisfatti di un trentunesimo posto e anche di un diciassettesimo. È chiaro che quest’anno il vento è cambiato, i giochi punta e clicca hanno fatto la parte del leone conquistando molte posizioni nella top ten e il pubblico anglofono, o almeno quello che vota, sembra sempre più orientato verso giochi meno complessi come design (anche se Detectiveland e Color the Truth sono due sfide intriganti) e più simili a storie interattive che ad avventure esplorative, come sono – credo – Darkiss 2, Zigamus e tanti altri miei giochi, in cui la trama è incastonata in uno scenario di luoghi, oggetti, personaggi che è la vera anima dell’avventura.

Detto questo, devo ringraziare tutti quelli che hanno giocato e votato, anche quelli che hanno dato 5 (o peggio) perché evidentemente non si sono “ambientati” a Ovranilla o tra le stanze del Vigamus. Comunque mi ha lusingato leggere così tanti messaggi, pubblici e privati, sui miei due giochi nell’edizione dell’IF Comp che ha avuto il record di opere in gara.

Ora come ora, per l’IF Comp 2017, anziché proseguire la traduzione dei giochi della serie di Darkiss (il prossimo sarebbe lo spin-off Sogno di Sangue), mi piacerebbe scrivere qualcosa di completamente nuovo, in inglese, e orientato a questi nuovi canoni dell’Interactive Fiction, con più trama e meno azione, o almeno meno puzzle. Le idee ci sono, il tempo come sempre un po’ meno. E non dimentico il mio impegno di chiudere la saga del vampiro Martin Voigt, almeno in italiano. Sperando che vi sia di conforto, vi ricordo che tutti i giochi della serie finora sono usciti negli anni dispari: Darkiss 1 nel 2011, Darkiss 2 nel 2013, Sogno di Sangue nel 2015. Chissà quindi che il 2017 non sia l’anno di Darkiss 3 e dello scontro finale con il professor Anderson.

Per ora, felice anno nuovo a tutti e arrivederci a gennaio con Fuga dall’Acropoli, la seconda avventura della serie dei viaggi nel tempo sviluppata dagli studenti dell’I.I.S. “G. Marconi” di Imperia.

A presto!

Darkiss 1 è in nomination agli Xyzzy Awards

xyzzy-awards-2015Da ieri l’edizione inglese di Darkiss 1 è in nomination all’edizione 2015 degli Xyzzy Awards, gli oscar mondiali della narrativa interattiva. Il gioco, scelto tra gli oltre 400 candidati, concorre in una delle categorie più importanti, quella del Best Player Character, ovvero Miglior Personaggio Giocante, che poi sarebbe il protagonista dell’avventura, in questo caso il vampiro Martin Voigt. Il malvagio mostro succhiasangue pare aver fatto breccia nei cuori degli English-speaking player e dopo i tanti apprezzamenti ricevuti da Wade Clarke, Emily Short, Lucian P. Smith, Hugo Labrande, Lynnea Glasser nel corso dell’ultima IF Comp e anche dopo, ha raggiunto la sua consacrazione a livello internazionale.

Certo, vincere non sarà facile, perché sono in gara con alcuni degli autori più quotati dell’ultima stagione, ma già la nomination è un ottimo risultato per un’opera che propone una traduzione fatta da un autore non madrelingua, sia pure con il prezioso aiuto di tanti amici che masticano l’inglese meglio di me. Tra l’altro il Player Character è uno degli elementi più importanti di un videogioco a sfondo narrativo e mi riempie di orgoglio il fatto che Martin Voigt stia diventando così popolare anche al di fuori dei patri confini.

Darkiss 1 è inoltre il terzo gioco italiano a entrare in nomination, in quasi vent’anni di storia degli Xyzzy Awards. Il primo in assoluto è stato Beyond di Roberto Grassi, Paolo Lucchesi e Alessandro Peretti, che nel 2005 dopo essere arrivato secondo alla IF Comp vinta da Vespers di Jason Devlin ne ha ricevute ben tre, vincendo poi i premi per la Miglior Storia e il Miglior Puzzle Individuale. Il secondo è stato Andromeda Apocalypse di Marco Innocenti, che nel 2012 è stato il primo gioco italiano a vincere l’IF Comp e ha poi ricevuto le nomination per il Miglior Gioco e la Miglior Implementazione.

La notizia è stata subito ripresa dal sito GamesVillage.it in un articolo firmato da Guglielmo de Gregori, che lo scorso 20 febbraio al Vigamus di Roma era intervenuto all’Adventure Day dedicato alla presentazione di Zigamus. In serata anche OldGamesItalia ha parlato degli Xyzzy Awards, riportando l’elenco completo dei finalisti divisi per categoria con i link alle recensioni realizzate dallo staff del portale nei mesi scorsi.

Per votare agli Xyzzy Awards basta iscriversi sul sito con il proprio indirizzo email e una password. C’è tempo fino a sabato 14 maggio. Le categorie proposte quest’anno sono: Best Game, Best Writing, Best Story, Best Setting, Best Puzzles, Best NPCs, Best Individual Puzzle, Best Individual NPC, Best Individual PC, Best Implementation, Best Use of Innovation, Best Technological Development, Best Use of Multimedia. In totale sono curiosamente tredici: un numero che nei paesi anglofoni di solito porta sfortuna mentre in Italia porta decisamente fortuna, soprattutto a chi gioca al Totocalcio. Speriamo sia un buon segno!

Darkiss! Wrath of the Vampire

Darkiss! Wrath of the Vampire è il titolo definitivo dell’edizione inglese di Darkiss. Il bacio del vampiro è stato sostituito dalla rabbia, per evitare la ripetizione di kiss, mentre il sottotitolo Chapter 1: The Awakening è rimasto uguale a quello italiano. La nuova versione dell’avventura è stata rilasciata ufficialmente il 18 novembre, dopo che l’originale aveva chiuso l’Interactive Fiction Competition 2015 con un onorevole dodicesimo posto. Le correzioni e le modifiche fatte durante la gara, grazie ai feedback dei giocatori, sono state tantissime e credo che ora l’avventura sia più chiara e scorrevole.

Are you ready to quench your blood thirst? ovvero Sei pronto a soddisfare la tua sete di sangue? è il mood che ho scelto per presentare il gioco (anche) al di fuori dei canonici ambienti delle avventure testuali come opera di gamification letteraria a tema vampirico. Per ora il gioco è stato inserito nei database dei seguenti siti:

Su Ifwizz, il principale sito tedesco dedicato all’interactive fiction, è uscita anche una bella recensione in lingua che promuove il gioco a pieni voti (grazie, Martin Barth) e si aggiunge a quelle, molto favorevoli, scritte da Wade Clarke, Emily Short, Jason Dyer, Lucian Smith durante l’IF Comp.

Prossimamente i vampiri di Darkiss dovrebbero giungere a infestare anche gli hosting di Itch.io e BrotherSoft. Intanto sul sito Programmigratis.org è da qualche giorno on line la nuova edizione italiana del gioco, che si allinea a quella inglese. Molte cose sono cambiate rispetto alla versione precedente, a cominciare dal testo introduttivo, che è ora meno didascalico. Le descrizioni di alcune stanze sono state accorciate e ora si aggiornano nel corso dell’esplorazione, per rendere più fluido il rapporto del giocatore con l’ambiente circostante. Alcuni puzzle sono stati resi più facili, o almeno meno difficili, ed è stata aggiornata anche la mitica sezione segreta (chi non l’ha trovata?).

La traduzione di Darkiss 2 è già in cantiere, con la speranza di soddisfare le attese che l’uscita di Darkiss 1 in inglese sembra aver creato in molti paesi, a cominciare ovviamente da Stati Uniti, Gran Bretagna, Australia. Presto o tardi dovrebbe iniziare anche la progettazione di Darkiss 3. Intanto vi ricordo che c’è anche lo spin-off Sogno di Sangue da giocare: il professor Anderson conta su di voi per trovare il cimelio che causerà la rovina delle forze del male!

Brain Guzzlers from Beyond! ha vinto l’IF Comp 2015

Brain Guzzlers from BeyondL’avventura testuale Brain Guzzlers from Beyond! di Steph Cherrywell ha vinto l’Interactive Fiction Competition 2015. Il gioco di fantascienza umoristica ambientato nella provincia americana degli anni 50 e dedicato a una bizzarra invasione aliena ha trionfato con una vertiginosa media voto di 8,05 raccogliendo 95 preferenze. Al secondo posto si è classificata Map di Ade McT (con una media di 7,65), al terzo Midnight. Swordfight. di Chandler Groover (7,58).

L’edizione inglese di Darkiss 1, che avevo preparato per l’occasione con l’aiuto di alcuni amici, ha conquistato un onorevole dodicesimo posto, su oltre cinquanta giochi in gara, con una media di 6,34 e 65 voti raccolti. Da una parte non mi posso lamentare, ma dall’altra speravo di finire nei primi dieci. E poi non ho mai visto nessuno festeggiare un dodicesimo posto, e nemmeno un undicesimo 😉

Grazie comunque a tutti quelli che hanno votato e giocato la mia avventura, che nel corso della gara ha subito vari restyling, sfruttando i suggerimenti diretti di alcuni pregevoli feedback e quelli indiretti degli script delle partite on line. (Sì, se avete giocato su IFComp.org siete stati registrati: so chi siete e cosa avete fatto e verrò a prend… scherzo!)

Se quella degli script è stata la parte più interessante della mia prima IF Comp da autore, la più bella è stata senz’altro quella delle recensioni. Per Darkiss 1, molti critici e autori blasonati hanno avuto (quasi) solo belle parole. La traduzione, che forse è stata preparata un po’ troppo in fretta, a dispetto dei miei timori iniziali, è diventata addirittura uno dei punti di forza del gioco. A molti è piaciuto lo stile “insolito”, “eccentrico”, “bizzarro”, che in realtà deriva in parte dal fatto che anche i testi italiani sono piuttosto enfatici ed elaborati.

È stato anche apprezzato il lavoro di gamification compiuto sulla amnesia di Martin Voigt, che sta alla base di molti dei puzzle del gioco: il fatto che il vampiro all’inizio della storia non ricordi cose che per lui dovrebbero essere scontate (Quanti sono i raggi del sole di Valmar? Qual è la combinazione della porta metallica? Dov’è il Necronomicon?) innesca una serie di situazioni destinate a diventare pane per i denti di ogni buon avventuriero.

Nei prossimi giorni cercherò di riassumere in un post tutto il meglio e tutto il peggio (c’è stato anche quello) capitato a Darkiss 1 all’IF Comp. Intanto vi segnalo che anche l’edizione inglese del gioco, così come quella italiana, ha la sua bella pagina sull’Interactive Fiction Database. Come al solito saranno graditi voti e recensioni (stavolta però in inglese).

Molti mi hanno chiesto se tradurrò Darkiss 2 per l’IF Comp 2016. L’intenzione c’è e in molti di quelli che ha giocato Darkiss 1 all’IF Comp 2015 si sono offerti di aiutarmi. Non so ancora quando potrò iniziare a studiare e riscrivere i testi, ma se siete disponibili a partecipare al lavoro, battete un colpo!

Naturalmente non dimentico che c’è anche Darkiss 3 da fare. Prima di quella però ci sono buone probabilità che vedrete almeno un’altra avventura (in italiano) firmata da me. E stavolta non ci saranno vampiri, ma…

Per chiudere due parole sul vincitore dell’IF Comp 2015. Ho giocato con grande piacere Brain Guzzlers from Beyond! e credo che meriti la vittoria. Del resto, il suo autore, che è anche un apprezzato disegnatore, era già arrivato terzo nel 2014, quindi Brain Guzzlers non ha vinto per caso. Confesso di non avere (ancora) provato Map, mentre mi è piaciuto molto Midnight. Swordfight. È un gioco particolare, ma molto ben fatto, divertente, pieno di azione (come anche Brain Guzzlers), in cui si viaggia nel tempo e nello spazio (letteralmente) per impedire la propria morte (o quella di qualcun altro, dipende da dove mettete la salsiccia…). Sono pronto a scommettere che Chandler Groover farà strada. Intanto potete provare il suo nuovo gioco horror Open that vein, in gara alla Ectocomp 2015.

Tornando all’IF Comp, mi è piaciuta anche Life on Mars? di Hugo Labrande, dramma spaziale che come approccio mi ha ricordato (in piccolo) il capolavoro della Infocom A mind forever voyaging. Concedetemi una segnalazione pure per l’horror Pit of the condemned, che purtroppo è arrivato quarantacinquesimo. È un’avventura (quasi) senza puzzle in cui dovete scappare da un mostro che vi dà la caccia in un’antica città in rovina e, contemporaneamente, trovare il modo di ucciderlo. Detto (scritto) così mi rendo conto che non sembra granché, ma le locazioni da esplorare e mappare (molte sottoterra) sono magnifiche e le trappole da tendere alla bestia sono ganze.

Non ho (ancora) provato i giochi sviluppati con Twine e a scelta multipla, dunque mi scuserete se non parlo di quelli 😉

Ancora una volta ringrazio gli amici Emilio Audissino, Jacob Gunness, Marco Innocenti per avermi aiutato a prepare l’edizione inglese di Darkiss 1 (che presto avrà un nuovo titolo) per l’IF Comp 2015, Davide Somma per avermi dato l’idea di partecipare e gli staffer di OldGamesItalia per aver seguito (molto) da vicino l’andamento della gara: è un piacere scrivere giochi per leggere recensioni e commenti approfonditi come i loro!

Darkiss 1 recensito su OldGamesItalia

La sala dei ragni, una delle stanze del rifugio di Martin VoigtNei giorni scorsi ho letto con grande piacere la recensione di Darkiss 1 che il super esperto di avventure testuali (e non) The Ancient One ha scritto per OldGamesItalia, uno dei siti italiani di riferimento per l’interactive fiction di ieri e di oggi. Oltre a essere un’ottima pubblicità per il gioco, che spero frutterà nuovi download e feedback, l’articolo offre un’accurata analisi (senza spoiler) dello stile, della trama e dell’ambientazione della storia, che permette di entrare ancora meglio nello spirito di un’avventura che, innanzitutto, si contraddistingue per la particolarità, non molto diffusa nell’ambito dell’horror interattivo, di permettere all’utente di impersonare il cattivo della vicenda, anziché il buono.

Il “carisma” del malefico vampiro Martin Voigt viene indicato tra i punti di forza del gioco, che acquista personalità e spessore grazie al fatto di offrire il ruolo di protagonista a un “re del terrore” che ha molto da dire e da fare. A rendere ancora più affascinante il protagonista di Darkiss 1, secondo la recensione, è il fatto che, non ricordando quasi nulla del suo passato, Martin Voigt ha bisogno di riscoprire molte cose su di sé e le sue sanguinarie imprese. per tornare in azione. L’utente, al suo fianco in questo processo di ritorno alla realtà, può così conoscere più a fondo la sua truculenta storia e – grazie al solito meccanismo di gamification – immedesimarsi ancora di più nella storia.

La recensione è corredata dal video del gameplay di Darkiss 1 realizzato dallo specialista Leonardo Boselli – a sua volta autore dell’avventura Aladino e le perle di saggezza – che mostra come muoversi agevolmente nella prima parte dell’avventura, senza spoilerare troppo i puzzle offerti dal gioco.

Lo staff di OldGamesItalia, che questo mese oltre a Darkiss 1 ha recensito anche due classici degli anni 80 come Un marasma galattico e Crysys 1 – Il tocco del caos, ha promesso per settembre anche le recensioni di Darkiss 2 e dello spin-off Sogno di Sangue. Restate sintonizzati!

In arrivo Sogno di Sangue, lo spin-off di Darkiss

Come annunciato poco fa da Roberto Bertoni in una news sul sito di Adventure’s Planet, è iniziato il conto alla rovescia per l’uscita dello spin-off di Darkiss: -10! Tra dieci giorni esatti, sabato 20 giugno, Sogno di Sangue sarà on line sul sito dell’host ufficiale Programmigratis.org portando alla ribalta il “cattivo” della serie: il professor George Anderson, che in realtà cattivo non è, visto che si batte contro le forze del male, rappresentate (anche) dal vampiro Martin Voigt, protagonista dei primi due Darkiss.

Proprio Anderson è stato l’uomo che ha posto fine alle malefatte di Voigt, conficcandogli un paletto nel cuore, dopo aver scovato il suo rifugio segreto, celato sul fondo di un’oscura grotta. Martin però è tornato in vita grazie a un sortilegio della vampira madre Lilith e, dopo essersi recato nella dimensione infernale di Ovranilla per incontrare le sacerdotesse del dio Valmar, ha ottenuto il potere di resistere alla luce del sole per sé e per tutti i suoi tenebrosi compagni. Ora, il Regno di Darkiss, senza più punti deboli, è pronto a dichiarare guerra al genere umano, per sottometterlo al dominio dei non morti.

George Anderson, insieme alla sua equipe di scienziati dell’occulto, è l’unico che possa fermare l’avanzata del Regno di Darkiss. La trama di Sogno di sangue lo vedrà alle prese con una missione ai limiti dell’impossibile: raggiungere in sogno la misteriosa landa di Kerjo, un luogo ai confini della realtà, in cui dovrebbe trovarsi l’arma in grado di sovvertire le sorti dello scontro.

Quali pericoli dovrà sfidare Anderson a Kerjo per salvare la terra dalla distruzione? Quali misteri dovrà risolvere? Quali mostri dovrà affrontare? Quale sarà l’arma che dovrà trovare? La risposta a queste domande arriverà la mattina di sabato 20 su Programmigratis.org. Restate sintonizzati!

25.000 volte grazie!

Venerdì 17!Venerdì 17 ha portato decisamente fortuna a Darkiss 1, che proprio oggi ha raggiunto (e già superato) i 25.000 download, grazie alla somma di quelli registrati dai principali host del gioco: Programmigratis.org, Softonic, Tiscali, TNT Village e Programmi.com. Un risultato strabiliane per un gioco indie, per di più interamente testuale, lontano dalle mode del momento ma, a quanto pare, non dai gusti del pubblico, che ormai ha imparato a conoscere e apprezzare queste particolari opere di artigianato videoludico, dai risvolti metaletterari.

In questi quattro anni (e qualche mese), siete stati tantissimi a scrivermi per chiedere aiuti per andare avanti nella storia e condividere le vostre impressioni sul gioco. Molti di voi mi hanno detto di aver trovato il gioco per caso, spesso cercando tutt’altro, con Google.

Chi è riuscito a superare l’iniziale disorientamento dovuto alla particolare interfaccia a linea di comando, si è appassionato alle peripezie sanguinarie di Martin V. e, dopo aver scritto il proprio nome nella Cripta, ha deciso di dargli manforte anche nel suo viaggio infernale a Ovranilla.

Con i vostri commenti, positivi ma talvolta anche negativi, i consigli, le critiche, le idee, le proposte di collaborazione, il supporto al beta testing, mi avete offerto un’occasione di crescita incredibile che, dopo Darkiss 2, spero mi servirà a chiudere degnamente la trilogia dedicata alle malefatte del vampiro più assetato del web!

Intanto, tra qualche settimana, dovrebbe essere finalmente on line lo spin-off dedicato al cattivo della serie, il professor George Anderson, che si lancerà in un’impresa ai limiti dell’impossibili (e anche oltre!) per trovare l’unica arma in grado di contrastare l’avvento del regno di Darkiss sulla Terra.

Sto anche lavorando a una nuova edizione de Il giardino incantato che renderà l’avventura più snella e intuitiva, per adattarla ai moderni standard di gioco. Proseguono inoltre i progetti di gamification che sto seguendo per conto di varie scuole e aziende: alla fine chissà che non esca qualche nuova avventura da giocare tra un Darkiss e l’altro!

Grazie ancora per il supporto che avete dato in questi anni alle mie opere di game design. È stato anche bello giocare le avventure che qualcuno di voi ha scritto dopo aver provato le mie, come nei casi di Lazzara & Paterniti e Mariano Sassi. A questo proposito, chi volesse cimentarsi con la scrittura di una nuova interactive fiction da qualche settimana potrà contare anche sul corso di programmazione in Inform 6 che proprio Sassi sta pubblicando a puntate sul suo sito McBones.

A presto! 😉

A Sanremo ad Halloween si cena col vampiro

A cena con il vampiro, spettacolo di teatro interattivo ispirato a DarkissHalloween incombe e, per celebrare nel modo migliore la terrificante ricorrenza del 31 ottobre, il ristorante Buca Cena di Sanremo ha deciso di rispolverare lo spettacolo di teatro interattivo A cena con il vampiro che avevo portato in scena nella primavera nel 2011, poco dopo l’uscita di Darkiss 1, con gli amici del Teatro del Banchero di Taggia e dello Stregatto di Imperia. Domani sera, l’esclusivo ritrovo del Golf degli Ulivi ospiterà una truculenta variante del classico murder party, in cui al posto del morto ci sarà il… non morto!

Pensata come vivace intermezzo tra le vicende videoludiche di Darkiss 1 e Darkiss 2, la storia che introduce all’azione della cena col vampiro vede Martin Voigt tornare allo Yoshiwara Club per incontrare Lilith e… scoprire chi è stato a tradirlo, rivelando al professor Anderson l’ubicazione del suo nascondiglio per farlo uccidere.

Oltre che odiato e temuto dagli uomini che sono al corrente della sua esistenza, Martin V. è inviso a molti vampiri, che non sopportano la sua tracotanza. Più di uno di quelli con cui ha avuto a che fare negli ultimi secoli, potrebbe aver avuto un buon motivo per farlo fuori. Siccome però nessuno avrebbe avuto la forza di affrontarlo (e batterlo) da solo, uno di loro – il più infido! – ha deciso di rivolgersi a un autentico specialista nella caccia ai vampiri: il professor Anderson!

Ora però Martin Voigt è tornato ed è deciso a vendicarsi del tradimento subito nel peggiore dei modi! Lilith, per dimostrargli il suo amore, ha radunato allo Yoshiwara Club i principali sospettati, per permettergli di interrogare ognuno di loro fino a scoprire il colpevole. Trattandosi di uno spettacolo di teatro interattivo, il pubblico potrà, tra una portata e l’altra della cena, partecipare all’indagine e interpellare gli attori che interpreteranno gli altri vampiri sul loro rapporto con Martin, verificando alibi e scoprendo possibili moventi.

L’evento al Buca Cena, che promette emozioni forti, colpi di scena a ripetizione e un finale degno di Halloween, viene proposto a 45 euro con il seguente menu a tema, servito a partire dalle 20.30: antipasto con flan di funghi porcini con vellutata di Toma e taleggio; tortelloni al parmigiano su crema di zucca; tagliata di Black Angus al forno con cipolla rossa di Tropea passata, olive taggiasche e letto di scarola; torta della strega con crema di castagne, nocciole e zabaione. Gran finale con caffè e ossa di morto!

Gli attori che andranno saranno Chiara Giribaldi, Antonio Manconi, Alessandro Cirilli, Massimiliano Antonelli, Desiree Durando, Giulia Peano, Eleonora Olivera, Giovanna Marzuoli, Giorgia Brusco, Eugenio Ripepi, Consuelo Benedetti.

Lo spettacolo e la compagnia del Teatro del Banchero sono a disposizione per eventuali repliche in altri ristoranti, con prezzo e modalità da concordare. Intanto per prenotare la cena col vampiro al Buca Cena, già segnalata da Sanremo News e Il Secolo XIX, chiamate lo 0184 557442. E buon appetito!

Intervista a tutto horror su Dark Veins

Probabilmente molti voi preferirebbero vedermi al lavoro su Darkiss 3, ma ormai mi conoscete bene e sapete quanto mi piace parlare di tutto ciò che è strano, misterioso, oscuro e fa paura. Così mi sono lasciato tentare dal sito di cultura horror Dark Veins, su cui recentemente sono apparsi anche la modella gotica Necrinity e i registi Paolo Fazzini e Lorenzo Bianchini, e ho chiesto udienza ai responsabili Cerbero e Lady of Sorrow, che mi hanno subito accontentato sottoponendomi a una delle più intricate e approfondite interviste della mia vita, un autentico fuoco di fila di domande che mi ha permesso di raccontare nei minimi dettagli sia la mia vita professionale che quella privata di appassionato dei più terrificanti videogiochi, libri, film e fumetti.

Perciò, se volete sapere come ho iniziato a scrivere giochi e racconti, come sono arrivato a pubblicare il mio primo libro (Ombre, esauritissimo dal 2001), perché mi piacciono l’horror, il thriller, il noir, quali sono i miei film e libri preferiti, a quali progetti sto lavorando adesso, potete leggere il bel servizio confezionato da Barbara Torretti, che sarebbe anche un bel modo per ingannare l’attesa dell’uscita di Darkiss 3 o dello spin-off dedicato al professor Anderson.

Colgo l’occasione per farvi i miei migliori auguri di buona Pasqua e buona Pasquetta. Se in questi giorni di vacanza siete in cerca di nuove avventure testuali con cui cimentarvi, vi segnalo che dal mese scorso è on line La vita? Non venitemi a parlare della vita, opera di esordio nel campo dell’interactive fiction di Mariano Sassi, autore emergente (e beta tester di Darkiss 2) che pare sia già al lavoro su un secondo gioco. Buon divertimento!

Un torrent di sangue ha inondato il TNT Village

Ebbene sì, anche l’avventura testuale Darkiss! Il bacio del vampiro si è tuffata nel mondo del BitTorrent, uno dei protocolli p2p più utilizzati per distribuire e condividere risorse in rete. Grazie alla disponibilità dello staff di TNT Village, uno dei principali siti italiani di promozione di questo particolare tipo di file, da ieri è on line il torrent del truculento videogame horror dedicato alle gesta del malefico Martin Voigt.

L’inserimento di Darkiss 1 tra le release della Sala Giochi del TNT Village, grazie alla gentilezza del responsabile Siste82, è stato accolto con interesse tra i membri del forum, che in poche ore hanno fatto macinare al programma già diverse decine di download.

Il seed per scaricare lo zip di Darkiss 1 è garantito 24 ore su 24 (almeno per ora), ma ovviamente c’è sempre la possibilità di prenderlo direttamente da Programmi Gratis o Tiscali. Grazie comunque a chi sosterrà la diffusione dell’avventura nel circuito dei torrent diventando un seeder del programma. Del resto si tratta di un file di appena 2 mega, che non dovrebbe occupare troppo spazio sulla banda.

Nei prossimi giorni sarà anche on line sul portale horror Dark Veins la corposa intervista che ho rilasciato nelle scorse settimane a Barbara “Lady of Sorrow” per raccontare la mia esperienza di autore dark che esplora con racconti, romanzi e videogiochi il lato oscuro della vita e tutte le sue trasgressioni e perversioni.

Presto o tardi inizieranno anche i lavori del fatidico Darkiss 3, state tranquilli, e chissà che non ci sarà il tempo di fare anche l’annunciato spin-off del professor Anderson.